cristiana caserta

università di Palermo

Lirici greci

Ἑλληνικήitaliano

oratoria

ἙλληνικήitalianoLatin

Platone

Ἑλληνικήitaliano

Teatro

ἙλληνικήEnglishitaliano

latino

LatinἙλληνικήitaliano

Omero

Ἑλληνικήitaliano

Ellenismo

Ἑλληνικήitaliano

Lucrezio, De Rerum Natura 1.1-1.43

cristiana caserta /
  • Created on 2021-07-22 08:49:44
  • Translated by Luca Canali
  • Aligned by cristiana caserta
Latin
italiano
Aeneadum genetrix , hominum divumque voluptas ,
alma Venus , caeli subter labentia signa
quae mare navigerum , quae terras frugiferentis
concelebras , per te quoniam genus omne animantum
concipitur visitque exortum lumina solis :
te , dea , te fugiunt venti , te nubila caeli
adventumque tuum , tibi suavis daedala tellus
summittit flores , tibi rident aequora ponti
placatumque nitet diffuso lumine caelum .
Nam simul ac species patefactast verna diei
et reserata viget genitabilis aura favoni ,
aeriae primum volucres te , diva , tuumque
significant initum perculsae corda tua vi .
Inde ferae pecudes persultant pabula laeta
et rapidos tranant amnis : ita capta lepore
te sequitur cupide quo quamque inducere pergis .
Denique per maria ac montis fluviosque rapaces
frondiferasque domos avium camposque virentis
omnibus incutiens blandum per pectora amorem
efficis ut cupide generatim saecla propagent .
Quae quoniam rerum naturam sola gubernas
nec sine te quicquam dias in luminis oras
exoritur neque fit laetum neque amabile quicquam ,
te sociam studeo scribendis versibus esse
quos ego de rerum natura pangere conor
Memmiadae nostro , quem tu , dea , tempore in omni
omnibus ornatum voluisti excellere rebus .
Quo magis aeternum da dictis , diva , leporem .
Effice ut interea fera moenera militiai
per maria ac terras omnis sopita quiescant .
Nam tu sola potes tranquilla pace iuvare
mortalis , quoniam belli fera moenera Mavors
armipotens regit , in gremium qui saepe tuum se
reicit aeterno devictus vulnere amoris ,
atque ita suspiciens tereti cervice reposta
pascit amore avidos inhians in te , dea , visus ,
eque tuo pendet resupini spiritus ore .
Hunc tu , diva , tuo recubantem corpore sancto
circumfusa super , suavis ex ore loquelas
funde petens placidam Romanis , incluta , pacem .
Nam neque nos agere hoc patriai tempore iniquo
possumus aequo animo nec Memmi clara propago
talibus in rebus communi desse saluti .
Madre degli Eneadi , voluttà degli uomini e degli dei ,
Alma Venere , che sotto gli astri vaganti del cielo
popoli il mare solcato da navi e la terra feconda
di frutti , poiché per tuo mezzo ogni specie vivente si forma ,
e una volta sbocciata può vedere la luce del sole :
te , o dea , te fuggono i venti , te e il tuo primo apparire
le nubi del cielo , per te la terra industriosa
suscita i fiori soavi , per te ridono le distese del mare ,
e il cielo placato risplende di luce diffusa .
Non appena si svela il volto primaverile dei giorni ,
e libero prende vigore il soffio del fecondo zefiro ,
per primi gli uccelli dell ' aria annunziano te , nostra dea ,
e il tuo arrivo , turbati i cuori della tua forza vitale .
Poi anche le fiere e gli armenti balzano per i prati in rigoglio ,
e guadano i rapidi fiumi : così , prigioniero al tuo incanto ,
ognuno ti segue ansioso dovunque tu voglia condurlo .
E infine per mari e sui monti e nei corsi impetuosi dei fiumi ,
nelle frondose dimore degli uccelli , nelle verdi pianure ,
a tutti infondendo in petto la dolcezza dell ' amore ,
fai che nel desiderio propaghino le generazioni secondo le stirpi .
Poiché tu solamente governi la natura delle cose ,
e nulla senza di te può sorgere alle divine regioni della luce ,
nulla senza te prodursi di lieto e di amabile ,
desidero di averti compagna nello scrivere i versi
che intendo comporre sulla natura di tutte le cose ,
per la prole di Memmio diletta , che sempre tu , o dea ,
volesti eccellesse di tutti i pregi adornata .
Tanto più concedi , o dea , eterna grazia ai miei detti .
E fa ' che intanto le feroci opere della guerra
per tutti i mari e le terre riposino sopite .
Infatti tu sola puoi gratificare i mortali con una tranquilla pace ,
poiché le crudeli azioni guerresche governa Marte
possente in armi , che spesso rovescia il capo nel tuo grembo ,
vinto dall ' eterna ferita d ' amore ,
e così mirandoti con il tornito collo reclino ,
in te , o dea , sazia anelante d ' amore gli avidi occhi ,
e alla tua bocca è sospeso il respiro del dio supino .
Quando egli , o divina , riposa sul tuo corpo santo ,
riversandoti su di lui effondi dalle labbra soavi parole ,
e chiedi , o gloriosa , una placida pace per i Romani .
Poiché io non posso compiere la mia opera in un ' epoca
avversa alla patria , l ' illustre stirpe di Memmio
può mancare in tale discrimine alla salvezza comune .

( 48 ) 15% LAT
( 270 ) 85% LAT - ITA

( 403 ) 84% LAT - ITA
( 78 ) 16% ITA

Lucrezio, De Rerum Natura 1.1-1.43

cristiana caserta /
  • Created on 2021-07-22 08:51:26
  • Translated by Luca Canali
  • Aligned by cristiana caserta
Latin
italiano
Aeneadum genetrix , hominum divumque voluptas ,
alma Venus , caeli subter labentia signa
quae mare navigerum , quae terras frugiferentis
concelebras , per te quoniam genus omne animantum
concipitur visitque exortum lumina solis :
te , dea , te fugiunt venti , te nubila caeli
adventumque tuum , tibi suavis daedala tellus
summittit flores , tibi rident aequora ponti
placatumque nitet diffuso lumine caelum .
Nam simul ac species patefactast verna diei
et reserata viget genitabilis aura favoni ,
aeriae primum volucres te , diva , tuumque
significant initum perculsae corda tua vi .
Inde ferae pecudes persultant pabula laeta
et rapidos tranant amnis : ita capta lepore
te sequitur cupide quo quamque inducere pergis .
Denique per maria ac montis fluviosque rapaces
frondiferasque domos avium camposque virentis
omnibus incutiens blandum per pectora amorem
efficis ut cupide generatim saecla propagent .
Quae quoniam rerum naturam sola gubernas
nec sine te quicquam dias in luminis oras
exoritur neque fit laetum neque amabile quicquam ,
te sociam studeo scribendis versibus esse
quos ego de rerum natura pangere conor
Memmiadae nostro , quem tu , dea , tempore in omni
omnibus ornatum voluisti excellere rebus .
Quo magis aeternum da dictis , diva , leporem .
Effice ut interea fera moenera militiai
per maria ac terras omnis sopita quiescant .
Nam tu sola potes tranquilla pace iuvare
mortalis , quoniam belli fera moenera Mavors
armipotens regit , in gremium qui saepe tuum se
reicit aeterno devictus vulnere amoris ,
atque ita suspiciens tereti cervice reposta
pascit amore avidos inhians in te , dea , visus ,
eque tuo pendet resupini spiritus ore .
Hunc tu , diva , tuo recubantem corpore sancto
circumfusa super , suavis ex ore loquelas
funde petens placidam Romanis , incluta , pacem .
Nam neque nos agere hoc patriai tempore iniquo
possumus aequo animo nec Memmi clara propago
talibus in rebus communi desse saluti .
Madre degli Eneadi , voluttà degli uomini e degli dei ,
Alma Venere , che sotto gli astri vaganti del cielo
popoli il mare solcato da navi e la terra feconda
di frutti , poiché per tuo mezzo ogni specie vivente si forma ,
e una volta sbocciata può vedere la luce del sole :
te , o dea , te fuggono i venti , te e il tuo primo apparire
le nubi del cielo , per te la terra industriosa
suscita i fiori soavi , per te ridono le distese del mare ,
e il cielo placato risplende di luce diffusa .
Non appena si svela il volto primaverile dei giorni ,
e libero prende vigore il soffio del fecondo zefiro ,
per primi gli uccelli dell ' aria annunziano te , nostra dea ,
e il tuo arrivo , turbati i cuori della tua forza vitale .
Poi anche le fiere e gli armenti balzano per i prati in rigoglio ,
e guadano i rapidi fiumi : così , prigioniero al tuo incanto ,
ognuno ti segue ansioso dovunque tu voglia condurlo .
E infine per mari e sui monti e nei corsi impetuosi dei fiumi ,
nelle frondose dimore degli uccelli , nelle verdi pianure ,
a tutti infondendo in petto la dolcezza dell ' amore ,
fai che nel desiderio propaghino le generazioni secondo le stirpi .
Poiché tu solamente governi la natura delle cose ,
e nulla senza di te può sorgere alle divine regioni della luce ,
nulla senza te prodursi di lieto e di amabile ,
desidero di averti compagna nello scrivere i versi
che intendo comporre sulla natura di tutte le cose ,
per la prole di Memmio diletta , che sempre tu , o dea ,
volesti eccellesse di tutti i pregi adornata .
Tanto più concedi , o dea , eterna grazia ai miei detti .
E fa ' che intanto le feroci opere della guerra
per tutti i mari e le terre riposino sopite .
Infatti tu sola puoi gratificare i mortali con una tranquilla pace ,
poiché le crudeli azioni guerresche governa Marte
possente in armi , che spesso rovescia il capo nel tuo grembo ,
vinto dall ' eterna ferita d ' amore ,
e così mirandoti con il tornito collo reclino ,
in te , o dea , sazia anelante d ' amore gli avidi occhi ,
e alla tua bocca è sospeso il respiro del dio supino .
Quando egli , o divina , riposa sul tuo corpo santo ,
riversandoti su di lui effondi dalle labbra soavi parole ,
e chiedi , o gloriosa , una placida pace per i Romani .
Poiché io non posso compiere la mia opera in un ' epoca
avversa alla patria , l ' illustre stirpe di Memmio
può mancare in tale discrimine alla salvezza comune .

( 48 ) 15% LAT
( 270 ) 85% LAT - ITA

( 403 ) 84% LAT - ITA
( 78 ) 16% ITA

Cicerone, Contro Verre 1.1

cristiana caserta /
Latin
italiano
Quod erat optandum maxime , iudices , et quod unum ad invidiam vestri ordinis infamiamque iudiciorum sedandam maxime pertinebat , id non humano consilio , sed prope divinitus datum atque oblatum vobis summo rei publicae tempore videtur . Inveteravit enim iam opinio perniciosa rei publicae , vobisque periculosa , quae non modo apud populum Romanum , sed etiam apud exteras nationes , omnium sermone percrebruit : his iudiciis quae nunc sunt , pecuniosum hominem , quamvis sit nocens , neminem posse damnari . Nunc , in ipso discrimine ordinis iudiciorumque vestrorum , cum sint parati qui contionibus et legibus hanc invidiam senatus inflammare conentur , reus in iudicium adductus est C . Verres , homo vita atque factis omnium iam opinione damnatus , pecuniae magnitudine sua spe et praedicatione absolutus . Huic ego causae , iudices , cum summa voluntate et expectatione populi Romani , actor accessi , non ut augerem invidiam ordinis , sed ut infamiae communi succurrerem . Adduxi enim hominem in quo reconciliare existimationem iudiciorum amissam , redire in gratiam cum populo Romano , satis facere exteris nationibus , possetis ; depeculatorem aerari , vexatorem Asiae atque Pamphyliae , praedonem iuris urbani , labem atque perniciem provinciae Siciliae . De quo si vos vere ac religiose iudicaveritis , auctoritas ea , quae in vobis remanere debet , haerebit ; sin istius ingentes divitiae iudiciorum religionem veritatemque perfregerint , ego hoc tam adsequar , ut iudicium potius rei publicae , quam aut reus iudicibus , aut accusator reo , defuisse videatur .
Sembra che l’occasione che soprattutto si doveva scegliere , o giudici , e che sola era utile a placare l’ostilità del vostro ordine e il discredito dei giudici , non fosse data da una decisione umana , ma quasi da una volontà divina , e fosse stata offerta a voi nel più critico momento della repubblica . Infatti ormai questa opinione dannosa per la repubblica pericolosa per voi , che va spargendosi non solo presso il popolo romano , ma anche presso le nazioni estere mediante il vociare di tutti , si è radicata : che in questi processi che ora vi sono , nessun uomo provvisto di denaro , sebbene sia dannoso per lo stato , possa essere condannato . Ora , nella crisi stessa dell’ordine e dei vostri giudici , essendo preparati coloro che tentano di infiammare questa ostilità del senato mediante assemblee e proposte di legge , fu addotto in giudizio l’imputato Caio Verre , uomo già condannato dalla vita e dalle azioni secondo l’opinione di tutti , assolto secondo la sua speranza e il suo parlare per la sua grande quantità di denaro . Io , giudici , mi sono presentato come pubblico ministero di questa causa , con grandissimo volere e aspettativa del popolo romano , non per accrescere l’ostilità dell’ordine senatorio , ma per venire in aiuto al discredito comune . Ho infatti addotto in giudizio un uomo mediante il quale potete ristabilire la perduta fama dei giudici , ritornare in grazia con il popolo romano , fare abbastanza per le nazioni estere , un uomo ladro dell’erario , tormentatore in Asia e Panfilia , predone della giustizia urbana della giustizia amministrata da lui come pretore urbano , rovina e danno della provincia di Sicilia . E se voi vi pronuncerete in modo veritiero e diligente sulla qual cosa , rimarrà saldo quel potere che deve restare in voi ; se invece le ingenti ricchezze infrangeranno lo scrupolo e la veridicità delle sentenze , io raggiungerò lo scopo in modo tale che sembri che sia mancato giudizio più alla repubblica , che all’imputato in giudizio o all’accusatore dell’imputato .

( 48 ) 19% LAT
( 206 ) 81% LAT - ITA

( 301 ) 85% LAT - ITA
( 54 ) 15% ITA

Ad Atticum IX, 11A

cristiana caserta /
Latin
italiano
XI A

Scr . in Formiano XIV aut XIII Kal . Apr . an . 49 .

CICERO IMP . S . D . CAESARI IMP .

Vt legi tuas litteras quas a Furnio nostro acceperam , quibus mecum agebas ut ad urbem essem , te uelle uti " consilio et dignitate mea " minus sum admiratus ; de " gratia " et de " ope " quid significares mecum ipse quaerebam , spe tamen deducebar ad eam cogitationem ut te pro tua admirabili ac singulari sapientia de otio , de pace , de concordia ciuium agi uelle arbitrarer , et ad eam rationem existimabam satis aptam esse et naturam et personam meam . [ 2 ] Quod si ita est et si qua de Pompeio nostro tuendo et tibi ac rei publicae reconciliando cura te attingit , magis idoneum quam ego sum ad eam causam profecto reperies neminem , qui et illi semper et senatui cum primum potui pacis auctor fui nec sumptis armis belli ullam partem attigi iudicauique eo bello te uiolari contra cuius honorem populi Romani beneficio concessum inimici atque inuidi niterentur . Sed ut eo tempore non modo ipse fautor dignitatis tuae fui uerum etiam ceteris auctor ad te adiuuandum , sic me nunc Pompei dignitas uehementer mouet . Aliquot enim sunt anni cum uos duo delegi quos praecipue colerem et quibus essem , sicut sum , amicissimus . [ 3 ] Quam ob rem a te peto uel potius omnibus te precibus oro et obtestor ut in tuis maximis curis aliquid impertias temporis huic quoque cogitationi ut tuo beneficio bonus uir , gratus , pius denique esse in maximi benefici memoria possim . Quae si tantum ad me ipsum pertinerent , sperarem me a te tamen impetraturum , sed , ut arbitror , et ad tuam fidem et ad rem publicam pertinet me , et pacis et utriusque uestrum amicum , et ad uestram et ad ciuium concordiam per te quam accommodatissimum conseruari . Ego , cum antea tibi de Lentulo gratias egissem , cum ei saluti qui mihi fuerat fuisses , tum lectis eius litteris quas ad me gratissimo animo de tua liberalitate beneficioque misit , *** eandem me salutem a te accepisse quam ille . In quem si me intellegis esse gratum , cura , obsecro , ut etiam in Pompeium esse possim .
XI A

Scritta nel Formiano il 13 marzo dell’anno 705 dalla fondazione di Roma

Cicerone generale vittorioso a Cesare generale vittorioso

Quando ho letto la tua lettera che avevo ricevuto dal nostro amico Furnio , nella quale tu mi spingevi a rientrare a Roma , non mi sono meravigliato molto che tu volessi giovarti del mio consiglio e del mio prestigio ; mi sono domandato cosa intendessi dire con le espressioni " l ' influenza e l ' appoggio " , tuttavia sono stato indotto dalla speranza a questa idea : che tu , in virtù della tua meravigliosa ed eccezionale saggezza , vuoi che io mi occupi che si tratti della tranquillità , della pace , della Concordia dei cittadini e ritenevo che questo intendimento fosse sufficientemente adatto sia alla mia disposizione naturale sia alla mia personalità . Che , se le cose stanno così e se hai a cuore di tutelare il nostro Pompeo e di riconciliarlo con te e con la Repubblica , certamente non troverai nessuno più adatto per questo incarico di me : sono stato promotore di pace , sempre quanto a lui ; non appena ne ho avuto la possibilità nei confronti del senato e quando è iniziata la lotta armata non mi sono schierato per alcuna fazione e ho ritenuto che con quella guerra si faceva torto a te e che contro la manifestazione di stima a te concessa per il favore del popolo romano nemici personali e persone invidiose si adoperavano . Però , come allora non solo fui sostenitore del tuo prestigio ma anche propugnatore nei confronti di altri per fornirti aiuto , così ora il prestigio di Pompeo mi tocca vivamente l ' animo infatti sono anni che io ho scelto voi due per trattarvi con il massimo riguardo e per esservi amico al massimo , come sono . Perciò ti chiedo o meglio ti prego supplichevolmente e ti scongiuro con insistenza affinché tu tra le tue rilevantissime incombenze possa impiegare un po’ di tempo anche a questo pensiero : come io possa con il tuo favore risultare un uomo probo riconoscente , infine devoto nel ricordo di un beneficio immenso . Se queste cose che chiedo riguardassero unicamente me stesso spererei tuttavia di poterle ottenere da te , ma come credo riguarda sia il tuo senso di realtà sia la Repubblica il fatto che io , sostenitore della pace , sia dell ' uno e l ' altro di voi due e grazie a te , sia conservato come il più idoneo a ristabilire la Concordia tra i cittadini . Siccome io in precedenza ti ho ringraziato riguardo a Lentulo , in quanto sei stato di salvezza a colui che prima lo era stato a me ; tuttavia , dopo aver letto la lettera che egli mi ha inviato con spirito di immensa gratitudine per la tua generosità e bontà , capisco che egli ha ricevuto da te una salvezza identica di quella che io ho ricevuto . Se comprendi che ti sono riconoscente per lui fa in modo te ne prego che io possa esserlo anche per Pompeo .

( 71 ) 18% LAT
( 320 ) 82% LAT - ITA

( 446 ) 86% LAT - ITA
( 75 ) 14% ITA

Lettera ad Attico (lat-ita-en)

cristiana caserta /
Latin
italiano
English
ut legi tuas litteras quas a Furnio nostro acceperam quibus mecum agebas ut ad urbem essem , te velle uti " consilio et dignitate mea " minus sum admiratus ; de " gratia " et de " ope " , quid significares mecum ipse quaerebam , spe tamen deducebar ad eam cogitationem ut te pro tua admirabili ac singulari sapientia de otio , de pace , de concordia civium agi velle arbitrarer , et ad eam rationem existimabam satis aptam esse et naturam et personam meam .
[ 2 ] quod si ita est et si qua de Pompeio nostro tuendo et tibi ac rei publicae reconciliando cura te attingit , magis idoneum quam ego sum ad eam causam profecto reperies neminem qui et illi semper et senatui cum primum potui pacis auctor fui nec sumptis armis belli ullam partem attigi iudicavique eo bello te violari contra cuius honorem populi Romani beneficio concessum inimici atque invidi niterentur . sed ut eo tempore non modo ipse fautor dignitatis tuae fui verum etiam ceteris auctor ad te adiuvandum , sic me nunc Pompei dignitas vehementer movet . aliquot enim sunt anni cum vos duo delegi quos praecipue colerem et quibus essem , sicut sum , amicissimus .
[ 3 ] quam ob rem a te peto vel potius omnibus te precibus oro et obtestor ut in tuis maximis curis aliquid impertias temporis huic quoque cogitationi ut tuo beneficio bonus vir , gratus , pius denique esse in maximi benefici memoria possim . quae si tantum ad me ipsum pertinerent , sperarem me a te tamen impetraturum , sed , ut arbitror , et ad tuam fidem et ad rem publicam pertinet me et pacis et utriusque vestrum . . . et ad civium concordiam per te quam accommodatissimum conservari . ego cum antea tibi de Lentulo gratias egissem , cum ei saluti qui mihi fuerat fuisses , tamen lectis eius litteris quas ad me gratissimo animo de tua liberalitate beneficioque misit , †eandem me salutem a te accepisse† quam ille . in quem si me intellegis esse gratum , cura , obsecro , ut etiam in Pompeium esse possim .
Scritta nel Formiano il 13 marzo dell’anno 705 dalla fondazione di Roma
Cicerone generale vittorioso a Cesare generale vittorioso
Quando ho letto la tua lettera che avevo ricevuto dal nostro amico Furnio , nella quale tu mi spingevi a rientrare a Roma , non mi sono meravigliato molto che tu volessi giovarti del mio consiglio e del mio prestigio ; mi sono domandato cosa intendessi dire con le espressioni " l ' influenza e l ' appoggio " , tuttavia sono stato indotto dalla speranza a questa idea : che tu , in virtù della tua meravigliosa ed eccezionale saggezza , vuoi che io mi occupi che si tratti della tranquillità , della pace , della Concordia dei cittadini e ritenevo che questo intendimento fosse sufficientemente adatto sia alla mia disposizione naturale sia alla mia personalità . Che , se le cose stanno così e se hai a cuore di tutelare il nostro Pompeo e di riconciliarlo con te e con la Repubblica , certamente non troverai nessuno più adatto per questo incarico di me : sono stato promotore di pace , sempre quanto a lui ; non appena ne ho avuto la possibilità nei confronti del senato e quando è iniziata la lotta armata non mi sono schierato per alcuna fazione e ho ritenuto che con quella guerra si faceva torto a te e che contro la manifestazione di stima a te concessa per il favore del popolo romano nemici personali e persone invidiose si adoperavano . Però , come allora non solo fui sostenitore del tuo prestigio ma anche propugnatore nei confronti di altri per fornirti aiuto , così ora il prestigio di Pompeo mi tocca vivamente l ' animo infatti sono anni che io ho scelto voi due per trattarvi con il massimo riguardo e per esservi amico al massimo , come sono . Perciò ti chiedo o meglio ti prego supplichevolmente e ti scongiuro con insistenza affinché tu tra le tue rilevantissime incombenze possa impiegare un po’ di tempo anche a questo pensiero : come io possa con il tuo favore risultare un uomo probo riconoscente , infine devoto nel ricordo di un beneficio immenso . Se queste cose che chiedo riguardassero unicamente me stesso spererei tuttavia di poterle ottenere da te , ma come credo riguarda sia il tuo senso di realtà sia la Repubblica il fatto che io , sostenitore della pace , sia dell ' uno e l ' altro di voi due e grazie a te , sia conservato come il più idoneo a ristabilire la Concordia tra i cittadini . Siccome io in precedenza ti ho ringraziato riguardo a Lentulo , in quanto sei stato di salvezza a colui che prima lo era stato a me ; tuttavia , dopo aver letto la lettera che egli mi ha inviato con spirito di immensa gratitudine per la tua generosità e bontà , capisco che egli ha ricevuto da te una salvezza identica di quella che io ho ricevuto . Se comprendi che ti sono riconoscente per lui fa in modo te ne prego che io possa esserlo anche per Pompeo .
Written in the Formian on March 13 of the year 705 from the foundation of Rome
Victorious general Cicero to victorious general Caesar
When I read your letter which I had received from our friend Furnio , in which you urged me to return to Rome , I was not very surprised that you wanted to avail yourself of my advice and prestige ; I wondered what I meant by the expressions " influence and support " , yet I was led by hope to this idea : that you , by virtue of your wonderful and exceptional wisdom , want me to take care of it . tranquility , peace , the Concord of the citizens and I felt that this understanding was sufficiently suited to both my natural disposition and my personality . That , if this is the case and if you have at heart to protect our Pompey and to reconcile him with you and with the Republic , you will certainly find no one more suitable for this position than me : I have been a promoter of peace , always as for him ; as soon as I had the chance towards the Senate and when the armed struggle began I did not take sides for any faction and I felt that with that war you were wronged and that against the expression of esteem granted to you for the favor of the Roman people personal enemies and envious people worked hard . However , just as then I was not only a supporter of your prestige but also an advocate towards others to provide you with help , so now the prestige of Pompey touches my soul deeply in fact for years I have chosen you two to treat you with the utmost respect and to be your best friend , as I am . Therefore I ask you or rather I beg you beseechingly and I implore you with insistence that among your very important tasks you may take some time even at this thought : how can I , with your favor , be an upright grateful man , finally devoted in the memory of an immense benefit . If these things I am asking only concern myself , I would still hope to be able to obtain them from you , but as I believe it concerns both your sense of reality and the Republic that I , a supporter of peace , are both of you two . and thanks to you , may he be preserved as the most suitable for re-establishing Concord among the citizens . If these things I am asking only concern myself , I would still hope to be able to obtain them from you , but as I believe it concerns both your sense of reality and the Republic that I , a supporter of peace , are both of you two . and thanks to you , he is preserved as the most suitable for re-establishing Concord among the citizens . As I previously thanked you regarding Lentulus , as you have been of salvation to him who previously had been to me ; however , after reading the letter he sent me in a spirit of immense gratitude for your generosity and goodness , I understand that he has received from you a salvation identical to that which I have received . If you understand that I am grateful to you for him , please do so I pray that I may also be grateful to Pompey

( 358 ) 100% LAT
( 0 ) 0% LAT - ITA

( 0 ) 0% LAT - ITA
( 519 ) 100% ITA

( 0 ) 0% LAT - ITA
( 519 ) 100% ITA

prova

cristiana caserta /
  • Created on 2022-09-23 09:50:57
  • Modified on 2022-09-23 10:01:40
  • Aligned by cristiana caserta
Latin
italiano

( 173 ) 83% LAT
( 35 ) 17% LAT - ITA

( 45 ) 17% LAT - ITA
( 221 ) 83% ITA